“Il primo segnale da parte del Governo è certamente forte e autorevole che consiste nella sospensione della tassa per l’Autorità di Regolazione dei Trasporti per l’anno 2023 e nella spendibilità, a breve, dei 300 milioni di euro, assegnati alla categoria, mediante la formula del credito d’imposta”.

Questo il commento del Presidente Nazionale di Trasportounito, Franco Pensiero: “L’auspicio – afferma – è che il Governo dimostri la medesima determinazione sul tema della riforma delle regole e sul superamento dei numerosi problemi strutturali del settore, quali la carenza ormai cronica dei conducenti; l’individuazione di infrastrutture e aree dedicate; l’attenzione ai limiti comunitari e internazionali così come a motorizzazione e codice della strada”; la necessità cogente di modifiche al marebonus e ferrobonus.

Trasportounito sottolinea come l’autotrasporto rappresenti uno degli indicatori più importanti dell’economia reale, ed è proprio per questo motivo che il sistema deve prevedere azioni simmetriche che, nel caso dell’autotrasporto italiano, si sintetizzano oggi in tre principali interventi: quello di carattere economico per la gestione dell’emergenza, le regole del settore da riformare urgentemente e una nuova strategia finalizzata alla creazione o all’assorbimento internazionale di nuovi conducenti dei veicoli industriali.

Condividi:

Articoli correlat

TIR: 3 MISURE D’EMERGENZA

Pubblicato il - 24 Novembre 2020 0
Trasportounito detta al Ministro dei trasporti 3 interventi irrinunciabili in assenza dei quali centinaia di aziende di autotrasporto saranno immediatamente…

GUIDARE IL TIR E’ USURANTE

Pubblicato il - 18 Maggio 2016 0
Un Ddl al Senato per “Guidare il Tir è usurante”, una delle iniziative parlamentari più significative sul tema promosso e…

COSTO DEL GASOLIO E ADEGUAMENTO TARIFFE

Pubblicato il - 13 Giugno 2018 3
LETTERA AI COMMITTENTI In considerazione del fatto che gli interlocutori istituzionali non sono ancora fisicamente funzionali, e che l’aumento del…