Unione Europea sempre più in difficoltà sul versante legislativo. Il mancato rispetto di direttive e Regolamenti è ormai all’ordine del giorno fra i Paesi membri i quali, quando conviene, sono europei, quando conviene meno strappano o modificano regole e disposizioni anche se queste sono spesso illogiche e irrazionali.

Il cabotaggio stradale, e cioè la possibilità da parte di un vettore stradale di un Paese membro di eseguire trasporti aventi origine e destinazione in altro Paese membro, mentre non è condiviso dai Paesi dell’occidente è ampiamente apprezzato dai vettori dei Paesi dell’Est.

Per  correre ai ripari l’Unione Europea, negli anni scorsi ha diffuso una disposizione tendente a limitare l’attività di cabotaggio stradale la quale però, nella pratica, si è dimostrata piuttosto blanda e permissiva in quanto, di fatto, non limita più di tanto la pericolosa concorrenza che si viene a determinare.

La Germania per evitare la concorrenza sleale (dumping sociale) ha introdotto il salario minimo garantito, la Francia segue a ruota con la recente disposizione, la Finlandia ha cambiato i numeri disposti dall’UE consentendo solo un massimo di 10 viaggi in cabotaggio stradale nell’arco di un mese; la Danimarca nei tre viaggi settimanali interni consentiti dall’Unione Europea ha formulato un’arbitraria interpretazione secondo la quale si devono conteggiare il carico delle merci o lo scarico come se fossero due operazioni distinte anziché una.

In Italia, non sapendo che pesci prendere, anche perché i controlli scarseggiano, hanno istituito una insignificante inversione dell’onere della prova: il conducente estero deve dimostrare il massimo di tre viaggi settimanali per evitare la sanzione.

La Commissione Europa ha aperto istruttorie (Germania e Francia) e deferito i Paesi alla Corte di Giustizia (Filnadia e Danimarca), ma il problema resta. Ed è quello dell’incapacità di leggere l’economia reale soprattutto in un settore ove la competizione estrema rischia di di far chiudere le imprese sane scaricando le distorsioni sulla sicurezza stradale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here