Trasportounito scrive al Ministro e denuncia l’incapacità a rimuovere gli ostacoli che impediscono la missione e la sopravvivenza delle imprese del trasporto su gomma

Ventiquattro buoni motivi perché le imprese di autotrasporto dovrebbero fermare i loro mezzi seguendo quelle che sono già state costrette a farlo, a fronte di un solo motivo che li spinge ancora a essere sulle strade: la coscienza di svolgere un ruolo essenziale e importante per assicurare alle famiglie, alle comunità, agli ospedali, l’approvvigionamento quotidiano di generi alimentari e di prodotti farmaceutici e sanitari.

“Ma a monte di tutto – come sottolinea il segretario generale di Trasportounito, Maurizio Longo – un interrogativo sempre più pressante e opprimente: se l’imprevedibilità dell’emergenza è stata superata dalla tragica consapevolezza, perché lo Stato non impone il superamento di tutti gli ostacoli di natura tecnico-amministrativa e quelli artificialmente imposti da apparati di interesse?”.

“Non vorremmo trovarci nella condizione di accettare passivamente lo spegnimento – ha concluso Longo – anche di generazioni di imprese per la sola assenza di competenze e di tempestività dei provvedimenti”

Condividi:

Articoli correlat

CONTE BIS E L’AUTOTRASPORTO

Pubblicato il - 5 Settembre 2019 0
Non possiamo preventivamente esprimere giudizi su un Governo appena insediatosi tuttavia, non possiamo però, neanche nascondere “come” si è giunti…

STRAVAGANTI O FOLCLORISTICI. O ENTRAMBI

Pubblicato il - 13 Settembre 2021 0
L’autotrasporto ha esigenze straordinarie ed urgenti per risolvere gravi problemi strutturali. Un primo incontro tenutosi con il Vice Ministro, Teresa…