Le misure per l’operatività dell’autotrasporto, almeno per quanto riguarda il lungo raggio, i porti e i centri di carico/scarico, sono state ad oggi insoddisfacenti e strategicamente disorientanti. Ci si aspettava di più e meglio, anche solo per rimuovere ostacoli di carattere tecnico-amministrativo.

A fronte di un 5% della flotta che lavora incessantemente per garantire le consegne delle merci essenziali, si rileva un 30% del parco veicolare già completamente fermo ai box (mentre scorrono i costi di assicurazione e leasing), e la restante parte che opera in condizioni di improduttività e di profonda incertezza fra lunghe attese, viaggi a vuoto (triplicati) e differimenti dei pagamenti da parte di quei committenti a cui le imprese di autotrasporto hanno anticipato, per mesi, i costi di produzione dei servizi.

Il lockdown continuerà fino alla fine del mese di aprile, medesimo periodo in cui dovrebbero arrivare gli ammortizzatori sociali, o almeno si spera.

Il decreto liquidità non soddisfa le esigenze delle nostre imprese e pertanto auspichiamo in uno strumento specifico, su logistica e trasporti, annunciato dalla Ministra nel corso dell’ultima videoconferenza.

L’attuale provvedimento infatti anziché intraprendere la strada di uno straordinario intervento socio-economico, delega all’intermediazione bancaria le valutazioni tecniche, l’erogazione dei fondi ed il valore degli interessi. Diversamente dagli altri Paesi comunitari ed extracomunitari che hanno provveduto all’erogazione diretta, e a fondo perduto, nel tempo medio di tre giorni, in una Italia blindata si deve consolidare un debito, il quale si aggiunge a quelli attuali a cui si sommano le fatture non pagate, ed a breve anche le scadenze fiscali del 30 maggio p.v.

Siamo nelle mani del possibile, più probabile in quelle dell’impossibile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here