Trasportounito: senza contromisure sarà ulteriore stangata finanziaria   

È scattato l’embargo all’importazione di prodotti petroliferi della Russia. La scelta dell’Unione Europea di chiudere al greggio russo, avviene nel momento più delicato e difficile dell’economia nazionale al punto da legittimare il dubbio e alimentare l’interrogativo: cui prodest?

Secondo Trasportounito, “Se le scorte accumulate nei mesi scorsi, per effetto del meccanismo del price cap, non riusciranno a garantire il contenimento dei costi, per le imprese di autotrasporto, le cui flotte sono alimentate con diesel, è facile prevedere una ulteriore stangata finanziaria”.

“Per questo motivo abbiamo fornito alle imprese l’indicazione di non ottemperare agli obblighi contrattuali in tutti i casi in cui il trasporto delle merci si tradurrà certamente in una perdita economica”.

“Al Governo chiediamo di attivarsi per contrastare la speculazione e per modificare urgentemente le disposizioni di legge sulla “clausola gasolio” e quella sui tempi di pagamento”.

Condividi:

Articoli correlat

ADR: ACCORDO MULTILATERALE

Pubblicato il - 4 Ottobre 2016 0
Accordo Multilaterale M287 in accordo con la sezione 1.5.1 ADR sul trasporto di alcuni rifiuti contenenti merci pericolose Introduzione 1.1…

SVIZZERA: STOP AL SEGRETO BANCARIO

Pubblicato il - 6 Agosto 2016 0
Operativo lo scambio di informazioni tra Italia e Svizzera. Con data retroattiva, e cioè dal 23 febbraio 2015, la Svizzera…